Riceviamo e volentieri pubblichiamo una segnalazione di un gruppo di lettori di Moncalieri, con l'auspicio che possa aiutare a risolvere il problema. Per i residenti della zona e anche per il gallo...

«Siamo un gruppo di residenti di Moncalieri Borgo Mercato che desidera segnalare un problema che a tutt’oggi non ha ancora avuto una soluzione.

Da dicembre 2020 un piccolo gallo, apparentemente senza padrone, ha trovato casa presso il cortile di un condominio che si affaccia sui giardini pubblici di Via Juglaris a Moncalieri e che confina con le nostre proprietà.

Il quartiere non è rurale e pertanto il canto del gallo in un contesto cittadino, e a distanza ravvicinata, è tale da compromettere il riposo notturno. Il gallo arriva a cantare quasi 300 volte dalle 4:30 del mattino fino alle 8 (e meno male che l’ora è quella legale), ma che ne sarà di noi fra un mese con finestre aperte e albeggiare nel cuore della notte se già così il suo canto ci impedisce il riposo notturno?

Abbiamo fatto molte telefonate, esposti via mail a partire da febbraio e un esposto protocollato all’inizio del mese di aprile per denunciare il disturbo della quiete pubblica. Abbiamo scritto al nostro Sindaco prima di Pasqua che ci ha promesso di intervenire, ma finora non è successo nulla.

Avremmo bisogno di essere aiutati perché, sarà anche solo un gallo, ma oltre ad arrecare un grandissimo disturbo, non ci pare giusto né che viva fuori dal suo habitat naturale né che corra il rischio che qualcuno – molto meno paziente di noi -  decida di risolvere in modo poco civile questa questione che si trascina da mesi.

Forse questa segnalazione non è di nessun conto e, in un momento veramente tragico per il paese intero, pare persino grottesca, ma proprio perché in questo quartiere ci sono persone già provate da un anno di pandemia, con problemi di salute, di lavoro, ecc. aggiungere questa forma di tortura che ci priva del sonno è solo crudele».

Galleria fotografica

Articoli correlati