Quintali di rifiuti sono stati raccolti negli ultimi giorni dai volontari e dal personale di controllo del Comune di Candiolo lungo la zona di Stupinigi. Sacchi neri e altro materiale in parte buttato, molto probabilmente, da chi non vuole differenziare ed è più facile inquinare. E così il sindaco, Stefano Boccardo, ha voluto dare un monito alla cittadinanza: "Non è possibile disseminare un territorio di telecamere costose ma anche poi impegnative da gestire, basterebbe semplicemente un minimo di educazione e senso civico.
Nelle zone periferiche di Candiolo (zone parco di Stupinigi, variante e strade campestri lungo la ferrovia)  in questi ultimi giorni sono stati rinvenuti montagne di rifiuti. Ovviamente stiamo provvedendo tramite il COVAR alla rimozione, con costi extra piano finanziario di cui ciascuno di noi come cittadino dovrà "ingiustamente" farsene carico. I controlli li stiamo intensificando con le forze a disposizione e anche con alcune videocamere nascoste, ma ciò che può fare veramente la differenza è anche la collaborazione di ciascuno di noi".

Galleria fotografica

Articoli correlati