Consiglio comunale di fuoco quello andato in scena a Candiolo nell'ultima seduta prima della pausa estiva. Accuse pesanti nei confronti dell'attuale sindaco, Stefano Boccardo, per le quali il primo cittadino ha preannunciato di portare il tutto nelle sedi opportune al fine di tutelare l'immagine dell'amministrazione. Sindaco, che ha affidato ad un comunicato quanto accaduto e le relative conseguenze: "Durante la scorsa seduta del Consiglio, nella discussione di un'interpellanza presentata dai consiglieri di minoranza della lista Candiolo Futura, la consigliera Ruggiero ha fatto un'affermazione molto grave, rispetto alla quale procederemo a chiedere puntuale e dettagliata spiegazione nelle apposite sedi. Secondo quanto da lei riportato, la passata amministrazione sarebbe stata mossa da interessi personali, oltre a tutta un'altra serie di considerazioni pesanti e generiche su presunte mancate partecipazioni a riunioni e risposte a richieste pervenute via mail. Che le Opposizioni non condividano le cose fatte, le scelte e anche le modalità operative e lo manifestino nel corso dei Consigli Comunali fa parte del normale processo democratico, ma l’affermazione che ciò che ci ha guidati nei 5 anni passati siano stati interessi personali non può essere accettato, soprattutto da una Amministrazione che in 5 anni non ha percepito un solo euro (neanche rimborsi benzina per viaggi fatti con la propria autovettura, solo per fare un esempio)".

Galleria fotografica

Articoli correlati