Su proposta del Questore di Torino, la sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Torino ha disposto la confisca dei beni nei confronti di un cittadino albanese già pregiudicato per furto, per reati in materia di stupefacenti e armi, e di una cittadina italiana, con precedenti per truffe. L’operazione “Easy Money” trae origine dalle indagini svolte dalla Divisione Anticrimine della Questura di Torino, che avevano condotto, nei mesi di maggio e ottobre 2019, al sequestro dei beni illecitamente accumulati dal noto pregiudicato, oggi confiscati integralmente dal Tribunale, per un valore complessivo di circa un milione e 500 mila euro.

Nello specifico, sono stati confiscati:

-          29 immobili ubicati a Torino e in comuni limitrofi, tra cui Carmagnola, tra terreni, appartamenti di civile abitazione, box auto, ecc.

-          una società relativa alla commercializzazione di software e servizi informativi;

-          due società operative nel settore del commercio di vini e prodotti alimentari di vario tipo;

-          conti correnti e fondi azionari.

Nel corso delle operazioni veniva rinvenuto, suddiviso in 5 magazzini riconducibili alle società confiscate, un ingente quantitativo di vini e alcolici anche di alta qualità nonché il materiale necessario, composto da tamponi, etichettatrici e altro, utile per la contraffazione delle date di scadenza dei prodotti alimentari.

 

Galleria fotografica

Articoli correlati