Tre persone sono indagate dai carabinieri del NOE di Torino, a seguito degli incendi avvenuti a La Loggia e Pianezza nel 2017 che hanno coinvolto la ditta Cmt. Si tratta di tre responsabili commerciali. I roghi avevano interessato piattaforme adibite alla selezione dei rifiuti plastici e cartacei provenienti sia dalla raccolta urbana, sia dalle aziende. Nel corso delle investigazioni sono emerse numerose criticità inerenti la gestione dei rifiuti. Secondo le accuse, venivano solo superficialmente selezionati al fine di economizzare sulle corrette procedure, conseguendo così illeciti profitti. Queste condotte, favorite anche alla congiuntura internazionale che vede una saturazione del mercato della carta e della plastica riciclata, hanno determinato il formarsi di imponenti giacenze di materiale negli stabilimenti che, a scopo “liberatorio”, venivano dati alle fiamme.
Nell’ambito di questa inchiesta, diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino, Gruppo Reati contro l’ambiente e DDA, l'accusa mossa ai tre è di  “traffico e gestione illecita di rifiuti” e sono in corso accertamenti presso altre aziende della filiera nazionale del recupero dei rifiuti.

Galleria fotografica

Articoli correlati