Quindici indagati nell'ambito dell'operazione dei carabinieri che ha smantellato una banda di malviventi per i continui furti in aziende e camion parcheggiati. Destinatari dei provvedimenti cautelari, di cui quattro in carcere, sei ai domiciliari, quattro all’obbligo di dimora nel comune di residenza ed uno all’obbligo di dimora nel quartiere di residenza. Tre persone sono ancora da ricercare (due con obbligo di dimora e uno ai domiciliari).

L’attività investigativa, condotta per un anno e mezzo dai Carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora, ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminale di origine rom i cui componenti setacciavano le aree industriali e commerciali delle province di Torino e Cuneo, al fine di depredare merce dai magazzini delle aziende, nonché il carico dagli autoarticolati parcheggiati nelle loro adiacenze.

Il gruppo, altamente specializzato e con base a Torino e nell’hinterland del capoluogo piemontese, era in grado di compiere fino a 3 furti a notte rubando di tutto: dai veicoli commerciali - in un’occasione hanno asportato 5 furgoni da una ditta di La Loggia - ai ponteggi in alluminio, dal materiale edile, elettrico ed idraulico, ai ricambi di veicoli, per arrivare agli arredamenti di un Hotel chiuso durante il periodo di lockdown e a delle macchine per il caffè. In una occasione la banda ha perfino svaligiato confezioni di dolciumi da uno stabilimento di Moncalieri.

Ai destinatari della misura cautelare sono contestati, a vario titolo, 36 furti aggravati, 1 rapina, 5 episodi di ricettazione di materiale di provenienza furtiva e 2 di indebito utilizzo di carte di credito. Durante l’attività d’indagine è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari merce rubata per un valore complessivo pari a 1.200.000 euro.

Galleria fotografica

Articoli correlati