Almeno tre tentativi negli ultimi giorni, tutti fortunatamente andati a vuoto, rialza l'attenzione dui triffatori dello specchietto. Malviventi che si affiancano in auto a potenziali vittime e le accusano di aver arrecato loro un danno al retrovisore qualche metro prima, sfruttando il traffico intenso. Le persone che sono state avvicinate hanno subito replicato che avrebbero chiamato i carabinieri e al sentore di guai, i truffatori si sono allontanati. Donne e anziani sono spesso l'identikit perfetto per i balordi: l'unico modo per evitare brutte sorprese è avvertire subito le forze dell'ordine, che spesso è il deterrente unico per mandare via chi vuole solo raggirare.

Galleria fotografica

Articoli correlati