Alcuni residenti della zona di via Polveriera e via Nino Costa di Nichelino avevano alzato la voce qualche settimana fa per la situazione delle strade, piene zeppe di deiezioni canine non raccolte dai padroni. Così il Comune, per sensibilizzare i proprietari degli animali, aveva appeso in lungo e in largo dei cartelli per ricordare il dovere di ripulire gli escrementi del proprio migliore amico. La risposta è che quei cartelli sono stati tutti sradicati e gettati a terra, come se non contassero nulla e nessuno abbia sentito proprio quell'obbligo. Un gesto di pura maleducazione denunciato da chi aveva appeso manualmente quegli avvisi. L'educazione civica è davvero lontana dall'essere diffusa. 

Galleria fotografica

Articoli correlati