ORBASSANO - Non versavano imposte all'erario, sette arresti tra Torino, Rivalta e Moncalieri

| Utilizzavano, secondo le indagini della guardia di Finanza di Torino e Orbassano, crediti fittizi per 10 milioni di euro. Le aziende sono di Milano, Latina e Roma, ma operavano a Torino e Orbassano. Altri 26 denunciati

+ Miei preferiti
ORBASSANO - Non versavano imposte allerario, sette arresti tra Torino, Rivalta e Moncalieri
Sette arresti per associazione a delinquere finalizzata all’indebita compensazione ed alla bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale nell’ambito di società cooperative operanti nel settore della logistica e del facchinaggio. Dieci milioni l’importo complessivo dei crediti fittizi utilizzati in compensazione per non versare le imposte ed i contributi dovuti all’I.N.P.S.

Nella mattinata odierna, 9 gennaio, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino e Orbassano, delegati dalla Procura della Repubblica e in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale sabaudo, hanno tratto in arresto 6 soggetti, tutti residenti nella provincia di Torino, ritenuti responsabili di aver costituito e fatto parte di un’associazione per delinquere, di aver utilizzato in compensazione crediti fittizi per un importo complessivo di quasi 10 milioni di euro e di aver, infine, cagionato il fallimento delle società cooperative coinvolte. Sono in corso le ricerche per rintracciare il settimo componente dell’associazione. Le aziende sono di Milano, Latina e Roma, operanti nel settore logistica e facchinaggio, che hanno operato su Torino, Orbassano e Perosa Argentina. Degli arresti, due sono stati eseguiti a Rivalta, uno a Moncalieri. 

Dalle indagini svolte dai finanzieri del Gruppo Orbassano e coordinate dal Procuratore Aggiunto dott. Marco Gianoglio e dal Sostituto Procuratore dott. Mario Bendoni è emersa l’esistenza di un’associazione a delinquere finalizzata alla costituzione e gestione di più società cooperative, amministrate formalmente da prestanomi, che fornivano manodopera a prezzi di gran lunga inferiori al valore di mercato attraverso il sistematico utilizzo in compensazione di crediti fiscali inesistenti e l’omesso versamento dei contributi previdenziali.

Le menzionate cooperative, che non presentavano le dichiarazioni dei redditi o le presentavano con imponibili nettamente inferiori al reale, venivano tenute in attività per periodi brevi e condotte al fallimento dopo essere state depauperate, da parte degli amministratori di fatto, delle residue consistenze patrimoniali costituite prevalentemente da liquidità.

Gli amministratori di fatto delle cooperative, tutti destinatari della misura cautelare della custodia in carcere, figuravano formalmente come dipendenti delle cooperative e percepivano compensi significativi, trattenendo anche cifre superiori ai 5 mila euro mensili; i prestanome, invece, venivano reclutati tra persone bisognose e venivano retribuiti con compensi irrisori.

Le attività investigative, sviluppate anche mediante indagini finanziarie, intercettazioni telefoniche, appostamenti e pedinamenti, hanno portato i militari del Gruppo Orbassano ad accertare che i dipendenti, di fatto a loro insaputa, venivano periodicamente “trasferiti” dalle cooperative destinate al fallimento verso quelle di nuova costituzione. Per rendere più difficoltosi gli eventuali controlli da parte degli organi competenti, le cooperative che si succedevano nel tempo erano sovente registrate con la medesima denominazione sociale (“POLAR”), differenziandosi unicamente per la partita IVA attribuita; inoltre, la sede legale veniva sistematicamente stabilita in altre regioni, nonostante le società operassero sempre in territorio piemontese.

Nei confronti degli indagati sono stati anche eseguiti sequestri preventivi finalizzati a recuperare almeno parte del profitto dei reati commessi: finora sono stati sequestrati due immobili residenziali, tre autovetture, contanti e oggetti preziosi per un valore complessivo di circa 500.000 euro e sono stati congelati tutti i conti correnti.

Sono state anche eseguite numerose perquisizioni nei confronti di 15 prestanomi che si sono succeduti nell’amministrazione formale dell’impresa e di altre 11 persone che hanno concorso nella bancarotta fraudolenta di sette società dichiarate fallite nel 2017 e 2018, prelevando ingiustificatamente liquidità dalle casse aziendali o comunque beneficiando di somme di denaro distratte dai conti societari. Le perquisizioni hanno portato al sequestro di varia documentazione utile alle indagini.

Cronaca
CARMAGNOLA - Confermate le celebrazioni delle messe al cimitero
CARMAGNOLA - Confermate le celebrazioni delle messe al cimitero
"Si invitano i partecipanti ad occupare i posti disponibili - spiegano dal Comune - e, in caso di esaurimento dei posti, a non assembrarsi e stazionare in prossimità delle aree dedicate alle celebrazioni".
HALLOWEEN - Stasera controlli rafforzati delle forze dell'ordine contro le feste proibite
HALLOWEEN - Stasera controlli rafforzati delle forze dell
Sarà un sabato sera di pattugliamenti serrati da parte di carabinieri e polizia locale, per la serata di Halloween. E' vietato qualsiasi avvenimento in locali pubblici, ma gli occhi andranno anche sulle feste private
NICHELINO - La rsa Debouchè diventerà presidio covid
NICHELINO - La rsa Debouchè diventerà presidio covid
Al gruppo Gheron è stato richiesto un supporto dalle ASL per superare la grave situazione in Piemonte. E così metterà a disposizione una struttura ad alta tecnologia e con il massimo comfort per i futuri degenti.
CARMAGNOLA - La manifestazione dei commercianti in piazza IV Martiri: 'Lavorare, nostro diritto'
CARMAGNOLA - La manifestazione dei commercianti in piazza IV Martiri:
Oltre cento esercenti si sono riuniti in una delle piazze della città per manifestare la loro rabbia e disagio a fronte delle limitazioni imposte dal decreto del governo. Presente anche il sindaco: 'Non posso che esservi vicina'
COVID - Da lunedì chiuse tutte le scuole superiori del Piemonte e trasporti con capienza al 50%
COVID - Da lunedì chiuse tutte le scuole superiori del Piemonte e trasporti con capienza al 50%
Nuova stretta valida per il Piemonte: il governatore Cirio obbliga tutti gli studenti delle superiori alla didattica on line da casa almeno fino al 24 novembre
MONCALIERI - Scontro auto-moto in via Juglaris: un ferito
MONCALIERI - Scontro auto-moto in via Juglaris: un ferito
Dramma sfiorato al confine con Nichelino. Sul posto le ambulanze della croce rossa e due pattuglie dei carabinieri a riscostruire l'accaduto. Il ferito, sulla moto, portato al Cto in condizioni serie ma non gravi
CAOS TAMPONI - L'Asl To 5 aumenta il servizio: nuova postazione test a Nichelino e tamponi rapidi nelle scuole e rsa
CAOS TAMPONI - L
Resteranno attive tutte le attuali sedute ad accesso diretto. In tal caso però gli operatori sanitari effettueranno una sorta di “pre filtro” verificando l’effettiva presenza della richiesta in piattaforma regionale
COVID - Sui bus affollati si diffonde il contagio. «Da Roma zero euro per mettere più pullman»
COVID - Sui bus affollati si diffonde il contagio. «Da Roma zero euro per mettere più pullman»
Botta e risposta in Regione tra Pd e Lega sul possibile legame tra la diffusione del covid e i trasporti pubblici in difficoltà in tutto il Piemonte
MONCALIERI - «La mascherina non la metto». E minaccia gli agenti. Denunciato dalla Polizia Locale
MONCALIERI - «La mascherina non la metto». E minaccia gli agenti. Denunciato dalla Polizia Locale
Nell'ambito dei controlli della Polizia locale per il rispetto delle misure di contrasto alla diffusione del covid, a Borgo Mercato sono stati sanzionati tre uomini senza mascherina
MONCALIERI - Omicidio di Luciano Ollino: così i carabinieri sono arrivati al killer
MONCALIERI - Omicidio di Luciano Ollino: così i carabinieri sono arrivati al killer
Sono numerosi gli elementi raccolti in quattro mesi dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Torino, che hanno consentito di arrestare stamattina il presunto autore dell'omicidio Ollino
Le news di Moncalieri, Nichelino e cintura le trovi su TorinoSud.it
Le notizie di Moncalieri, Nichelino e Torino Sud le trovi su TorinoSud.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: Torino Sud in tempo reale!
TorinoSud è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore