La polizia municipale di Rivalta ha scoperto la presenza di un accampamento di nomadi nella zona collinare alle spalle della cappella di San Sebastiano. L’area in questione risulta, da atto notarile non ancora registrato, di proprietà di un rom che ha acquistato da privati italiani. All'interno roulotte e camper usate come abitazioni.

A seguito delle verifiche tecniche, in data 27 luglio, il Comune ha ordinato ai nuovi proprietari dell’area la rimozione dei mezzi presenti sul terreno e il ripristino dello stato dei luoghi. L’ordinanza considera interventi di “nuova costruzione” l’installazione di manufatti leggeri quali roulottes, camper e case mobili che siano utilizzate come abitazioni e pertanto subordinati a permessi di costruire e dal fatto che sul terreno in questione, come prescritto dal piano regolatore, non è ammissibile l’installazione di manufatti leggeri (quali appunto roulottes, camper e case mobili) neanche per soddisfare esigenze meramente temporanee di sosta.

«Si tratta di un fatto che desta grandissima preoccupazione - dichiara il Sindaco Nicola de Ruggiero - che rischia di essere il primo episodio di trasformazione abusiva di terreni della nostra preziosa collina morenica da sempre destinati all’agricoltura che non devono diventare terreni utilizzati per fini abitativi».

(foto archivio)

Galleria fotografica

Articoli correlati