In Piemonte le famiglie avranno l'obbligo di segnare sul diario o su moduli appositi, la temperatura dei figli che vanno a scuola. Lo ha anticipato all'Ansa il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. In giornata sarà diffusa dalla Regione un'ordinanza che confermerà l'obbligo per le famiglie. «Un bimbo a scuola con la febbre è un rischio enorme, avremmo preferito che a misurarla fosse la scuola ma ci è stato detto che non si può - spiega il presidente all'Ansa - per cui adottiamo un'ordinanza che obbliga le famiglie ad auto-certificare la temperatura». Se lo studente si presenta senza autocertificazione la scuola avrà l'obbligo di misurare la febbre.

Sul fronte della riapertura in sicurezza delle scuole, l’assessore ha rilevato che il distanziamento fisico resta una delle principali criticità e che risultano ancora dei problemi per 430 classi e 1200 studenti della scuola statale, lo 0,2% del totale. Ma le criticità sono in corso di soluzione, per esempio la Diocesi di Torino ha messo a disposizione degli spazi e tante altre realtà hanno dato la loro disponibilità, anche grazie alla collaborazione della Protezione civile e del Demanio. In caso di contagi, l’assessore ha ricordato quanto già stabilito dalla Regione in linea con le indicazioni nazionali, ovvero che la scelta sulla chiusura della classe o della scuola è in capo alle aziende sanitarie.

Galleria fotografica

Articoli correlati