TORINO SUD - Una nuova legge della Regione Piemonte per eliminare i campi nomadi stanziali

| A vigilare sulla corretta applicazione della Legge, oltre ai Comuni, ci penserà, l’Osservatorio regionale per il monitoraggio dei flussi ed il contrasto all'abusivismo. Il Disegno di Legge prevede la costituzione di questo nuovo organo

+ Miei preferiti
TORINO SUD - Una nuova legge della Regione Piemonte per eliminare i campi nomadi stanziali
Con il Disegno di Legge “Norme in materia di regolamentazione del nomadismo e di contrasto all’abusivismo” la Regione Piemonte, prima in Italia, pone le basi per il definitivo superamento del concetto di “capo stanziale”, il campo nomadi a cui siamo stati abituati fino a oggi e, purtroppo, spesso anche caratterizzato da fenomeni di abusivismo e scarso controllo, e inaugura quello di “area di transito”. Un nuovo tipo di spazio in cui i soggetti che decidono di richiedere l’accesso sono chiamati a pagare utenze e sosta, a dichiarare generalità, a fornire documenti dei loro mezzi di trasporto e a dotare di microchip i loro animali domestici. Un’area controllata, sicura e video sorvegliata, a cui si accederà attraverso smart-card.
 
“Dal Piemonte stiamo facendo partire una rivoluzione che, siamo convinti, diventerà un punto di riferimento per il resto del Paese. Con questa legge ci lasciamo alle spalle i tanti problemi di convivenza che ogni giorno ci vengono denunciati dai cittadini che vivono vicino agli insediamenti nomadi che esistono oggi, troppo spesso tendenti a gravitare intorno a fenomeni di abusivismo poco vigilati, e facciamo nascere nuove aree pensate per il nomadismo che sostituiranno completamente le vecchie. Aree che vanno incontro alle esigenze di sicurezza e dignità che gli stessi nomadi hanno diritto di rivendicare e ottenere – afferma l’assessore regionale alla Sicurezza Fabrizio Ricca -. Controlli tramite video sorveglianza, sicurezza nel sapere chi accede, servizi dignitosi forniti grazie al pagamento delle utenze da parte di chi soggiorna nell’area sono solo alcune delle novità che abbiamo voluto introdurre. E’ nostra intenzione rivoluzionare radicalmente l’approccio a questo tipo di realtà e con questa Legge pensiamo di aver centrato l’obiettivo”.
 
Cosa sono le “aree di transito”?
Dall’entrata in vigore operativa della Legge le comunità nomadi che si spostano sul territorio potranno insediarsi soltanto in aree definite “di transito”, che dovranno rispondere a nuovi standard di controllo e di sicurezza, saranno create dai Comuni e prevederanno un’occupazione di massimo tre mesi non rinnovabili per i nomadi che vi accederanno (escluse le famiglie con minori che potranno chiedere un rinnovo fino alla conclusione dell’anno scolastico dei figli). Le aree di transito dovranno avere un perimetro delimitato ed essere dotate di servizi igienici adeguati, collegati alla rete idrica pubblica. Stesso discorso varrà per gli impianti di illuminazione. Dovranno essere dotate di contenitori per lo smaltimento dei rifiuti e di impianti di videosorveglianza. L’accesso all’area sarà regolamentato grazie a registri telematici e smart-card.
 
Come si accede all’area?
Per accedere il nucleo familiare dovrà far richiesta al Comune. In caso di disponibilità di spazio dovrà fornire documenti validi che attestino l’identità dei richiedenti (se italiani carta d’identità, se comunitari il passaporto e se extracomunitari un regolare permesso di soggiorno).
Dovranno anche fornire documenti che attestino la propria fonte di reddito e soddisfare requisiti di idoneità morale (i requisiti non sono soddisfatti se i richiedenti: - Hanno riportato, per uno o più reati, una o più condanne irrevocabili alla reclusione in misura superiore complessivamente ai due anni per delitti non colposi. - Hanno riportato una condanna irrevocabile a pena detentiva per delitti contro la persona, il patrimonio, la fede pubblica, l'ordine pubblico. - Risultano, con sentenza passata in giudicato, appartenenti ad associazioni di tipo mafioso di cui al Decreto Legislativo n. 159/2011. Il requisito dell'idoneità morale risulta soddisfatto allorquando sia intervenuta la riabilitazione ovvero una misura di carattere amministrativo con efficacia riabilitativa).
 
Chi vorrà accedere all’area, inoltre, dovrà dichiarare di non aver alloggi di proprietà o in uso (pubblici o privati), dovrà indicare i numeri di targa dei veicoli che utilizza, mostrando documentazioni che ne attestano la proprietà o il legittimo possesso. I mezzi dovranno essere in regola con revisione e assicurazione. Gli animali domestici dovranno essere dotati di microchip (per evitare il fenomeno di randagismo) e dovranno essere mostrati i certificati di vaccinazione. L’utilizzo dell’area di transito è subordinato al pagamento di tariffe deliberate dal Consiglio Comunale sulla base dei costi che, il Comune, deve sostenere per la realizzazione, sorveglianza, mantenimento, pulizia e fornitura di servizi comunali. Il pagamento della tariffa stabilita dal Comune deve essere effettuato in forma anticipata. Il pagamento deve essere effettuato mensilmente, ad inizio mese per il mese in corso, con il deposito di una cauzione pari a due mensilità, all’atto del primo accesso.
 
Casi di revoca
L’autorizzazione alla permanenza nell’area potrà anche essere revocata nel caso in cui il singolo trasgressore dovesse rendersi protagonista di:
-Incitamento o sfruttamento di terzi, in particolare di minori, a compiere reati.
-Reiterato rifiuto di proposte di inserimento lavorativo.
-Comportamenti e/o azioni che costituiscano grave e concreta minaccia di turbamento alla sicura e civile convivenza all'interno dell’area e/o della città.
-Mancato pagamento della quota prevista dal Comune.
Saranno motivo di revoca del permesso per tutto il nucleo familiare, invece:
-Inadempimento dell'obbligo genitoriale di assicurare la frequenza della scuola dell'obbligo da parte dei minori.
-Mancato pagamento, per un periodo superiore ai 30 giorni, delle utenze da corrispondere per la fruizione dei servizi.
-Abbandono scolastico o assenza per un numero superiore di 20 giorni consecutivi da parte di un minore parte del nucleo familiare o per un totale di 45 giorni nel corso dell'intero anno scolastico, salvo comprovati e certificati motivi di salute.
 
Chi vigila sulla Legge?
A vigilare sulla corretta applicazione della Legge, oltre ai Comuni, ci penserà, “l’Osservatorio regionale per il monitoraggio dei flussi ed il contrasto all’abusivismo”. Il Disegno di Legge prevede la costituzione di questo nuovo organo che sarà costituito da tre nominati dal Consiglio Regionale, di cui uno come espressione delle minoranze, tre componenti delle Forze dell’Ordine, di concerto con le Prefetture, un presidente nominato dalla Giunta Regionale, un rappresentante dei comuni del Piemonte, designato dalla sezione regionale dell’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI), un rappresentante delle Associazioni maggiormente rappresentative a livello regionale operanti sul territorio. Tra i suoi compiti ci saranno il monitoraggio dei campi autorizzati in cui sono presenti comunità nomadi, la segnalazione dei campi nomadi non autorizzati e abusivi e relativa individuazione di misure finalizzate allo sgombero ed al ripristino delle aree occupate dagli insediamenti abusivi, l’inserimento sociale e la ricerca di lavoro, il controllo e il coordinamento per l’attuazione e l’applicazione dei regolamenti comunali da parte dei soggetti coinvolti ed interessati. L’Osservatorio si manterrà in costante dialogo con le Prefetture.
Cronaca
NICHELINO - Piscina in difficoltà: confermati gli aumenti di prezzi decisi all'inizio di agosto
NICHELINO - Piscina in difficoltà: confermati gli aumenti di prezzi decisi all
Da 5 a 6 euro per il nuoto libero per un massimo di 40 persone in vasca (meno di un terzo del normale), da 8 a 10 euro per il corso fitness (8 utenti anziché 24), da 6 a 9 euro per l'acquaticità dei bimbi (per un massimo di 4 e non 8).
TRASPORTI - Inizia male la settimana per i pendolari: un guasto mette in crisi la Sfm1
TRASPORTI - Inizia male la settimana per i pendolari: un guasto mette in crisi la Sfm1
Il treno che doveva arrivare a Chieri alle 7.41 e quello che dalla cittadina collinare avrebbe dovuto portare i lavoratori e studenti di Trofarello e Moncalieri verso Torino (con arrivo a Rivarolo alle 9.09) sono stati soppressi
BEINASCO - Cacciatore muore per un malore durante una battuta di caccia
BEINASCO - Cacciatore muore per un malore durante una battuta di caccia
L'uomo, 61 anni residente nella cittadina, era andato con amici nel cuneese spinto dalla sua passione nella giornata di domenica. Intorno alle 15 il dramma: a nulla sono valsi i soccorsi del resto della comitiva e del sindaco
TROFARELLO - Nascondeva 50 grammi di cocaina in macchina: arrestato
TROFARELLO - Nascondeva 50 grammi di cocaina in macchina: arrestato
Fermato ad un posto di blocco vicino l'autostrada, quando ha aperto il vano porta oggetti i militari hanno scoperto lo stupefacente.
PIOBESI - Brutto incidente sulla provinciale 145: tre feriti in ospedale
PIOBESI - Brutto incidente sulla provinciale 145: tre feriti in ospedale
Lo scontro tra una Fiat 500 e una Panda. La prima auto è finita nella vicina bealera e ha anche perso dei liquidi, tanto che i vigili del fuoco hanno anche richiesto l'intervento dell'Arpa. Il più grave dei feriti è una ragazza al Cto
MONCALIERI - Sindaco indagato, le reazioni. Cinque Stelle: 'Riferisca in Consiglio'
MONCALIERI - Sindaco indagato, le reazioni. Cinque Stelle:
La politica cittadina commenta l'ultima vicenda che vede coinvolto Paolo Montagna. I grillini chiedono che la questione venga discussa nella prima seduta del Consiglio
MONCALIERI - Indagato per falso il sindaco Montagna: «Ho ricevuto l'avviso di garanzia a tre giorni dalla vittoria delle elezioni»
MONCALIERI - Indagato per falso il sindaco Montagna: «Ho ricevuto l
«In sostanza, secondo l'accusa, avrei certificato di avere svolto prestazioni di volontariato presso una associazione di Protezione Civile senza, in realtà, averle eseguite davvero», spiega il sindaco con un post su Facebook
MONCALIERI - Maltratta la madre perché non gli dà i soldi della pensione: arrestato
MONCALIERI - Maltratta la madre perché non gli dà i soldi della pensione: arrestato
I carabinieri hanno arrestato un 33 enne già in passato protagonista di atti di violenza psicologica e fisica ai danni dei genitori. L'altra sera voleva soldi, la donna ha detto "no" e sono scattate le violenze
CARMAGNOLA - Asl, nuova piattaforma unica per esami, referti e prenotazioni
CARMAGNOLA - Asl, nuova piattaforma unica per esami, referti e prenotazioni
Dal 1 ottobre, i servizi CUP e Scelta Revoca saranno trasferiti dall’attuale sede di Via Avvocato Ferrero 24 alla sede della Piattaforma Unica Amministrativa – Padiglione A Via Ospedale 13 Carmagnola
NICHELINO - Sfasciano le vetrate del chiosco dei giornali in zona Juvarra
NICHELINO - Sfasciano le vetrate del chiosco dei giornali in zona Juvarra
Tornano a colpire i vandali in città. Due sere fa l'edicola è stata messa nel mirino dai "soliti ignoti", ma non è stato rubato nulla. Solo vandalismo. Collegamenti con i recenti fatti legati ai comitati di quartiere?
Le news di Moncalieri, Nichelino e cintura le trovi su TorinoSud.it
Le notizie di Moncalieri, Nichelino e Torino Sud le trovi su TorinoSud.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: Torino Sud in tempo reale!
TorinoSud è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore