Fase 2, ricomincia la vita. Da oggi, 18 maggio, si ritorna alla normalità dopo l'emergenza epidemiologica per tantissimi aspetti della vita comune. Mancano ancora alcuni step che però, salvo aggravamento della situazione, saranno operativi da qui al 15 giugno. Compreso lo spostameto tra regioni che comincerà il 3 giugno. Ecco un rapido riassunto delle varie tappe dei prossimi giorni. Resta valido il divieto di assembramento e la distanza minima di un metro tra persone. Oltre che l'uso della mascherina nei luoghi chiusi. 

Dal 20 maggio riaprono le scuole guida, dal 25 riaprono palestre, piscine, circoli sportivi, dal 15 giugno possono riprendere gli spettacoli nei teatri, sale da concerto e cinema. Restano sospese le attività dei centri benessere, termali, culturali e sociali e le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo

Da oggi, 18 maggio, in Piemonte:

Riaprono le strutture ricettive, tutti i negozi al dettaglio, i saloni per parrucchieri, i centri estetici, gli studi di tatuaggio e piercing e tutti i servizi per gli animali, oltre alle toelettature già attive potranno riprendere l'attività i dog sitter, le pensioni e l'addestramento e le attività di adozione

Resta sempre consentito il servizio di asporto per il quale l’orario viene esteso dalle 6 alle 22 e la prenotazione da remoto, pur preferibile, non sarà più obbligatoria.

Saranno consentiti, gli sport all’aria aperta in forma individuale rispettando la distanza minima di due metri (ad esempio: atletica, ciclismo, corsa, golf, tiro con l’arco, tiro a segno, equitazione, tennis, vela, attività acquatiche individuali, canottaggio, escursionismo, arrampicata libera, sci alpinismo, motociclismo, automobilismo, attività cinofila). Sarà possibile anche l’uso dei rispettivi impianti, centri e siti sportivi, purché nel rispetto delle disposizioni di sicurezza: vietato in particolare l’utilizzo di palestre, luoghi di socializzazione, docce e spogliatoi, fatto salvo per i locali di passaggio e i servizi igienici, per i quali i gestori dovranno garantire la corretta e costante sanificazione e igienizzazione. I gestori dovranno inoltre assicurare il contingentamento degli ingressi, l’organizzazione di percorsi idonei e l’adozione di misure per garantire il distanziamento sociale ed evitare assembramenti (ad esempio prenotazione degli spazi e turnazioni). Saranno consentite anche le lezioni con l’istruttore, che in assenza della distanza di sicurezza avrà l’obbligo di uso della mascherina e di guanti monouso dove l’attività preveda il contatto con l’allievo.

Sarà consentita in Piemonte l’attivazione di nuovi cantieri di lavoro e la riattivazione di quelli eventualmente sospesi, oltre alla riattivazione dei tirocini extra-curriculari in presenza, purché nel rispetto delle disposizioni di sicurezza e prevedendo lo smart working dove non possibile garantire il distanziamento.

Il 23 maggio potranno riaprire anche bar e ristoranti e le altre attività di somministrazione alimenti.

Restano sospese le visite in tutte le strutture pubbliche, private, convenzionate e nelle strutture socio-assistenziali (RSA, RA, RAF)

Galleria fotografica

Articoli correlati