Venerdì 19 aprile i bambini e le bambine assistiti da Casa UGI – realtà che dal 1980 si occupa di offrire sostegno ai genitori dei piccoli pazienti ricoverati al Regina Margherita – hanno festeggiato la Pasqua aprendo e condividendo un maxi uovo di cioccolato che il presidio Soci Coop di Beinasco ha voluto donare per regalare loro un sorriso.
 
Casa UGI “Stazione Regina” è l’edificio nato nel 2006 all’interno dei locali dell’ex stazione della monorotaia per accogliere e ospitare i bambini in cura presso l’ospedale Regina Margherita e le famiglie che li assistono. La struttura – dotata di 22 mini appartamenti e di un salone comune – è stata pensata per far sentire a casa i genitori e i bimbi che lottano contro gravi patologie, in coerenza con un approccio che vede le condizioni di vita e di ospitalità come parte integrante del percorso terapeutico.
 
Grazie a un accordo stretto dai Soci, dal 2016 Nova Coop fornisce a Casa Ugi prodotti a prezzo calmierato (alimentari e non) per dotare gli appartamenti di tutto l’occorrente e per offrire ai bimbi generi di conforto durante la permanenza. Nel solco di questa collaborazione il presidio Soci Coop di Beinasco ha voluto donare quest’anno un maxi uovo di cioccolato per festeggiare la Pasqua insieme ai bambini e alle loro famiglie. L’uovo è stato aperto venerdì 19 aprile all’interno di Casa Ugi, alla presenza di Vincenzina Caseria, Responsabile di Zona per le Politiche Sociali e Relazioni Esterne Nova Coop e di Roberto Patrucco, direttore dell’Ipercoop di Beinasco.
 
«Con questa iniziativa abbiamo voluto regalare un sorriso ai bambini e alle bambine che ogni giorno affrontano la battaglia più importante, quella per la vita, contro patologie gravissime e ai genitori che con grande forza li assistono e li sostengono  – dichiara Roberto Patrucco, direttore dell’Ipercoop di Beinasco – è un gesto simbolico con il quale speriamo di aver offerto un momento di serenità e spensieratezza a questi piccoli guerrieri e alle loro famiglie costretti a festeggiare la Pasqua lontani dal conforto delle proprie case».

Galleria fotografica

Articoli correlati