Martedì 27 luglio nella sede della Fondazione Cavour a Santena i sindaci e i rappresentanti dei 22 Comuni appartenenti alla Zona omogenea 11 Chierese-Carmagnolese e di altri limitrofi o comunque interessati hanno firmato l’intesa che sancisce l’avvio della costituzione del Distretto del Cibo, tappa fondamentale di un percorso iniziato nel 2018. L’atto ufficiale, preliminare all'ottenimento del riconoscimento regionale, consente al nascente Distretto del Cibo di avviare la promozione dello sviluppo territoriale, della coesione e dell'inclusione sociale, attraverso l’integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale. Il Distretto nasce anche con l’intento di contribuire a garantire la sicurezza alimentare e la riduzione dell'impatto ambientale delle produzioni e dello spreco alimentare, promuovendo la salvaguardia del territorio e il paesaggio rurale attraverso le attività agricole e agroalimentari.

Comune capofila del progetto è la Città di Santena, a cui sono affidate anche le attività di coordinamento, scelta per la sua posizione baricentrica nel territorio. Sarà il sindaco Ugo Baldi a presentare il dossier di candidatura per il riconoscimento del Distretto del Cibo Chierese-Carmagnolese, la cui costituzione è stata appoggiata dal Consiglio metropolitano sin dal 2019 con l’approvazione di una mozione. Peperone e Salame di Giora di Carmagnola, Tinca gobba dorata del Pianalto di Poirino, Asparago di Santena, Ciliegie di Pecetto, Cipolla Piatlina bionda di Andezeno, Freisa di Chieri: sono solo alcune delle eccellenze agroalimentari e vitivinicole della Zona omogenea 11 che potranno essere valorizzate dal Distretto.

Oltre alla Città metropolitana di Torino, i soggetti aderenti promotori all’accordo del distretto sono i Comuni di Andezeno, Arignano, Baldissero Torinese, Cambiano, Carignano, Carmagnola, Castagnole Piemonte, Chieri, Isolabella, Lombriasco, Marentino, Mombello di Torino, Montaldo Torinese, Moriondo Torinese, Osasio, Pancalieri, Pavarolo, Pecetto Torinese, Pino Torinese, Poirino, Pralormo, Riva presso Chieri, Santena, Sciolze e Villastellone. Sono inoltre soggetti aderenti le organizzazioni di categoria Cia, Coldiretti Piemonte e Confagricoltura, l'associazione CiòCheVale, l'associazione Produttori dell’Asparago di Santena e delle Terre del Pianalto, l'associazione del Ciapinabò di Carignano, il Consorzio del Freisa di Chieri e Collina Torinese, il Consorzio produttori del Peperone di Carmagnola, l’Engim Piemonte, la Facolt-Frutticoltori Associati Collina Torinese, la Fondazione della Comunità Chierese, la Fondazione della Comunità di Carmagnola, il distributore Stroppiana Ortofrutticoli. A precedere la firma dell’accordo la presentazione di tre proposte grafiche per il logo e l'immagine coordinata del distretto. La scelta sarà in capo ai diversi attori del progetto attraverso una votazione online.

Galleria fotografica

Articoli correlati