Nonostante l’anno difficile per l’intero comparto, il Piemonte dimostra di essere una delle regioni più attrezzate a livello turistico in Italia. Lo scorso anno, infatti, il turismo in questa regione ha fatto segnare un +1,82% in termini di arrivi, con un incremento maggiore nella componente estera, pari al +3,7%. Numeri importanti viste le grandi città, i musei ed i borghi meravigliosi offerti dal Piemonte. 

Nel 2019, infatti, il Piemonte ha fatto registrare oltre 5 milioni e 372 mila arrivi, cioè +1,82% sul 2018, con un particolare incremento del mercato estero, +3,7%, in linea con gli arrivi internazionali registrati in Europa dall’Organizzazione Mondiale del Turismo. I pernottamenti sono stati circa 14 milioni e 932 mila e nei mesi estivi la regione è stata in grado di crescere in maniera importante, attraendo oltre il 60% dei flussi, con il + 2% di arrivi. 

Secondo questi dati, infatti, il 56% del totale deriva dal mercato italiano e al 44% dal mercato estero già registrate nel 2018. I pernottamenti generati da turisti dall’estero sono stati circa 6 milioni e 559 mila. La Germania è sempre il primo Paese estero con una quota pari a circa il 22% del totale estero.

Tra le mete più gettonate per quanto riguarda il Piemonte spicca la città di Torino i cui numeri sono ormai in aumento da dieci anni a questa parte. Secondo quanto raccolto nel 2019 Torino ha fatto registrare una crescita superiore a tutte le altre città italiane segnando un +5% contro l’aumento del solo 3% di Milano e il calo invece del 3% di città come Firenze. Il 70% dei turisti proviene dal resto del Piemonte e delle altre regioni d’Italia, ma sono in aumento anche gli stranieri, soprattutto provenienti dal Regno Unito (+18,4%), dalla vicina Francia (+15,8%) e anche dalla Germania (+5,2%).
 
Il turismo digitale

Numeri importanti per il turismo in Piemonte, che sono stati agevolati dall’utilizzo delle nuove tecnologie. Sempre più utenti, infatti, decidono di affidarsi alla rete non soltanto per lo svago – come giocare a Casino777 blackjack – ma anche per prenotare le proprie vacanze. Per gli esperti il turismo digitale è uno strumento molto importante per le regioni e per le città. Questo perché è in grado di rendere ancor più accattivante mete e servizi offerti da un comparto, quello dei viaggi, che in Italia non ha sicuramente al giorno d’oggi ancora espresso tutto il proprio potenziale. 

Grazie al turismo digitale, ad esempio, è possibile superare il concetto di destagionalizzare alcune delle attrazioni turistiche presenti sul nostro territorio. Grazie a questo innovativo sistema si possono ottenere numerosi vantaggi. Tra questi c’è la velocità, , intesa come la rapidità e facilità nel fare operazioni che solo fino a dieci anni fa erano lente e macchinose. Pensiamo già alle sole prenotazioni di alberghi, voli, servizio di trasferimento da un aeroporto verso il centro città e altro ancora.

Quella della prenotazione, infatti, è una delle fasi più importanti per quanto riguarda il viaggio da fare. E su questa fase si gioca la partita più importante in quanto è qui che il futuro turista troverà informazioni sul tipo di esperienza, sui servizi che troverà in loco e le recensioni ricoprono un ruolo fondamentale in questa fase.

Grazie al turismo digitale aumenta anche la fetta di turisti alla ricerca di viaggi sostenibili. Che ci siano turisti responsabili, consapevoli o rispettosi dell’ambiente che li e ci circonda non è una novità, ciò che invece diventa sempre più importante è permettere a questi viaggiatori di vivere le proprie esperienze sostenibili, di trovare insomma ciò che cercano e ciò che questi tipi di viaggiatori domandano è una maniera sostenibile di trascorrere il tempo. È fondamentale dunque che le città siano pronte ad essere sempre più smart e sempre più green e ad a offrire ai turisti un uso efficiente, efficace e intelligente delle proprie risorse, ma senza rinunciare alla comodità.

Per avere grosso seguito è fondamentale la presenza online. Anche perché ormai sono davvero pochi i turisti che non effettuano ricerche online prima di spostarsi e sono ancor meno le agenzie turistiche che non si affidano a Google o a mezzi digitali per creare itinerari per i propri clienti; vien da sé che la presenza in rete e con una buona reputazione diventa fondamentale tanto per un ristorante quanto per un museo.

Sfide importanti che possono essere superate con il lavoro e la volontà, ma soprattutto sfruttando i nuovi canali tecnologici. 
 

Galleria fotografica

Articoli correlati