Il Comune ci mette il campo e i giocatori le gambe. Potrebbe essere un binomio perfetto e senza troppo stupore, essendo il calcio lo sport più amato. Ma se guardiamo meglio i giocatori e capiamo che quelli in campo sono ragazzi con diverse disabilità, allora una struttura tutta per loro è davvero un fiore all'occhiello per la città. 
L'amministrazione di Moncalieri è fiera di aver dotato i ragazzi del Torino F.D. (for disable) di una struttura in cui potersi allenare. "Il campo che abbiamo destinato a loro è l'unico esempio in Piemonte di struttura dedicata esclusivamente allo sport per i disabili - spiega l'assessore Giuseppe Messina -  si allenano il mercoledì sera e il sabato mattina e possono organizzare dei tornei, come già è accaduto la scorsa estate", Il campo, intitolato a Valentino Mazzola lo scorso giugno in via Saluzzo 6, proprio in queste settimane è oggetto di ulteriori interventi di riqualificazione.
Nella maggioranza dei casi le varie discipline sportive vengono praticate in strutture con altri atleti normodotati ma qui è diverso: "Essere riusciti a trovare uno spazio tutto per loro è stato un traguardo che ci riempie di orgoglio - continua Messina - poiché possono gestire i loro spazi e tempi senza doversi coordinare con altre squadre."
Il Torino F.D. però non è solo allenamenti e partite ma è anche parte integrante della città: non è raro che partecipino alle feste e organizzino tornei e soprattutto la squadra è coinvolta nei progetti con le scuole: "I ragazzi vengono invitati nelle aule per parlare di sport e disabilità - aggiunge l'assessore - sono appuntamenti che riguardano gli oltre 4000 studenti della città, perché credo che l'integrazione sia fondamentale e lo sport è uno dei canali più semplici e diretti per arrivare ai ragazzi".
Il Torino F.D. ha circa 60 atleti iscritti ai vari livelli, ma se si conta la macchina che c'è dietro la squadra, i numeri diventano in fretta a tre cifre: sono infatti più di 250 le persone che si dedicano a questo progetto tra genitori, volontari, allenatori. Tutti al lavoro per poter permettere alle squadre di partecipare al campionato che partirà a gennaio e si svolgerà ad Alessandria, ma anche di organizzare trasferte sia in Italia sia all'estero, come a Londra e Vienna.
 

Galleria fotografica

Articoli correlati