I carabinieri di Beinasco hanno arrestato per rapina, lesioni ed estorsione una “coppia” di Torino, un italiano 35enne e una 25enne rumena, entrambi con precedenti. Le indagini, erano partite dalla denuncia presentata ai militari da un 35enne del posto, nell’ottobre 2019. L’uomo aveva raccontato di un'aggressione subita in casa da parte di una coppia, che successivamente aveva anche cercato di estorcere denaro a sua madre. Le avevano chiesto 50 mila euro, altrimenti il figlio sarebbe finito male. I due aggressori tra i mesi di ottobre e dicembre 2019 si erano resi protagonisti di una escalation di violenza e minacce.
In particolare, i due malviventi, che si muovono negli ambienti della prostituzione e dello spaccio di droga, prima si sono presentati presso la casa dell’uomo. Qui, intimandogli di dargli dei soldi, lo avevano colpito al volto con un manico di scopa procurandogli delle lesioni e poi gli avevano rubato due telefoni cellulari. Anche la vittima aveva avuto guai pochi giorni prima dell'aggressione, sempre con lo stesso giro di prostituzione. Quando abitava a Carmagnola aveva infatti segregato per giorni una prostituta, chiamata per avere un po' di compagnia. Era stato arrestato. I due malviventi finiti in carcere erano dello stesso giro di quella donna e hanno voluto vendicarla. 

Galleria fotografica

Articoli correlati