Sull'ipotesi del deposito di scorie nucleari a Carmagnola oggi ci sarà un incontro tra regione Piemonte, città metropolitana, tutti i parlamentari piemontesi eletti e i Sindaci dei territori interessati per decidere quali azioni intraprendere per opporsi alla localizzazione di questo sito sul nostro territorio. Un nuovo passo per contrastare la possibilità che le scorie arrivino in questa fetta di provincia. Nel frattempo, sabato è partita la maxi raccolta firme organizzata dal Comune per dare più forza alla richiesta di fermare l'idea Casanova come casa delle scorie radioattive. In quattro ore si sono presentate 1300 persone a dare il proprio nome alla battaglia per difendere il proprio territorio. L'assessore Alessandro Cammarata: "Grazie a tutti gli amici che sono venuti a firmare. Continueremo anche i prossimi giorni. Io sarò di nuovo in Piazza Martiri sabato prossimo per raccogliere altre firme".

Galleria fotografica

Articoli correlati