RIVALTA - Droga e violenza sessuale: Antonio Rao scappa in Bolivia ma viene arrestato dalla polizia. Deve scontare 10 anni di galera

| Antonio Rao è stato arrestato nel pomeriggio del 2 dicembre, ora locale, a Santa Cruz de la Sierra dove aveva trovato rifugio. Indagate per favoreggiamento tre persone residenti a Rivalta e Piossasco

+ Miei preferiti
RIVALTA - Droga e violenza sessuale: Antonio Rao scappa in Bolivia ma viene arrestato dalla polizia. Deve scontare 10 anni di galera
La Squadra Mobile di Torino e il Servizio Centrale Operativo con la collaborazione dello S.C.I.P. (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia), nell’ambito del progetto “Wanted” hanno individuato ed arrestato Antonio Rao, classe 1952, residente a Rivalta, che deve scontare la pena di dieci anni di reclusione, per reati concernenti la violazione della legge sugli stupefacenti e violenza sessuale su minore di anni 18. Con lui è stato arrestato anche Joseph Michel Bernard Dalmasso, nato a Saint Laurent Du Var (Francia), classe 1957, che deve scontare la pena di 5 anni e sette mesi di reclusione per reati concernenti la violazione della legge sugli stupefacenti.
 
Antonio Rao è stato arrestato nel pomeriggio del 2 dicembre, ora locale, a Santa Cruz de la Sierra (Bolivia) dove aveva trovato rifugio presso una abitazione signorile poco lontana dal centro città. All’atto dell’arresto era in possesso di un passaporto italiano contraffatto, intestato ad un cittadino italiano nato in Argentina che ne aveva denunciato lo smarrimento. Il latitante aveva trovato rifugio tramite la moglie di un pregiudicato Boliviano con il quale aveva condiviso un periodo di carcerazione in Italia. L’intervento tempestivo della Polizia Italiana ha evitato che il latitante si sottraesse al provvedimento di arresto in quanto è stato trovato in possesso di un biglietto aereo per Madrid prenotato per il 15 dicembre con il nome falso.
 
Entrambi i latitanti erano stati coimputati in una operazione antidroga condotta nel 2012 dalla Squadra Mobile di Torino denominata “Rewind” che aveva consentito di disarticolare un sodalizio criminoso dedito all’importazione di ingenti quantitativi di cocaina. In quell’indagine Rao era il tramite tra i trafficanti brasiliani e quelli italiani. Tra i soggetti arrestati nell’ambito di quella operazione figuravano anche personaggi di spicco appartenenti alla ‘ndrangheta radicata in Piemonte. Dopo la scarcerazione Antonio Rao si era reso responsabile anche di violenza sessuale ai danni di una minore di origine romena costringendola con la forza ad assumere cocaina.
 
Le indagini per la cattura dei due latitanti, coordinate dalla Procura Generale della Repubblica di Torino, hanno consentito anche di individuare la rete di fiancheggiatori che, dalla provincia di Torino, hanno favorito il latitante nel mettere in atto la fuga pochi giorni prima che venisse emesso il provvedimento di carcerazione dalla Corte di Cassazione. In particolare sono stati indagati per favoreggiamento 3 persone (due donne ed un uomo tutti abitanti tra i comuni di Rivalta e Piossasco della cintura torinese) che, oltre ai congiunti, hanno con le loro azioni non solo eluso le investigazioni tese al suo rintraccio ma lo hanno di fatto accompagnato in Spagna da dove poi si è diretto in Bolivia. Durante la sua permanenza in quello Stato gli hanno, inoltre, procurato ed inviato il denaro necessario al suo sostentamento.
Video
Cronaca
VIRUS - Sindaci cominciano a spazientirsi: 'Servono più tamponi e pubblicare dati corretti'
VIRUS - Sindaci cominciano a spazientirsi:
La decisione della Regione di aprire una sezione del sito con i numeri del contagio ha mandato su tutte le furie i primi cittadini, visto che i dati non sono quelli forniti a loro. E le critiche sulla gestione cominciano ad arrivare
MONCALIERI - Il Comune distribuisce mascherine agli over 70 e soggetti a rischio
MONCALIERI - Il Comune distribuisce mascherine agli over 70 e soggetti a rischio
Palazzo civico non distribuirà i dispositivi di protezione a pioggia, ma solo a chi ha patologie e coloro che sono costretti ad uscire per lavoro. Un messaggio anche per spiegare che chi non ha motivi validi deve rimanere a casa
MONCALIERI - Fino al 13 aprile posti di blocco intensificati sulla rete stradale
MONCALIERI - Fino al 13 aprile posti di blocco intensificati sulla rete stradale
Da oggi fino a Pasquetta polizia locale e carabinieri metteranno sul campo diverse pattuglie e posti di blocco per contrastare chi continua ad andare in giro senza una valida motivazione e gli amanti delle gite
VIRUS - Lotta ai furbetti di Pasquetta: chiusi tutti i negozi
VIRUS - Lotta ai furbetti di Pasquetta: chiusi tutti i negozi
Serrande giù dalle ore 13 di domenica 12 aprile fino alla mezzanotte di lunedì 13 aprile, ad eccezione di farmacie, parafarmacie e di tutti gli esercizi dedicati alla vendita esclusiva di prodotti sanitari
VIRUS - La Regione pubblica i numeri dei contagi: quasi mille i positivi in zona sud
VIRUS - La Regione pubblica i numeri dei contagi: quasi mille i positivi in zona sud
Sul sito dell'amministrazione regionale, il governo piemontese ha voluto rendere pubblici quante persone risultano positive nei Comuni. Secondo i dati: 227 a Moncalieri, 160 a Nichelino, 107 a Carmagnola, 86 a Orbassano. Osasio nessuno.
CANDIOLO - L'associazione che ospita i bimbi di Chernobyl dona ai piccoli candiolesi un uovo di Pasqua
CANDIOLO - L
Quest'anno, visto che per la situazione Covid il progetto di accoglienza non potrà concretizzarsi, l'associazione ha voluto stare vicino ai bimbi candiolesi che frequentano la scuola elementare. Il "grazie" del sindaco
CARMAGNOLA -Il Comune blocca i pagamenti dei tributi comunali per l'emergenza virus
CARMAGNOLA -Il Comune blocca i pagamenti dei tributi comunali per l
Il sindaco: "La proroga dei termini di pagamento dei tributi comunali è un atto dovuto per dare un po' di respiro alle famiglie, agli esercizi e alle imprese che stanno affrontando un momento davvero difficile dal punto di vista economico"
ORBASSANO - Paura per una pensionata colpita da malore in coda alla banca
ORBASSANO - Paura per una pensionata colpita da malore in coda alla banca
Il fatto ieri pomeriggio, 8 aprile, in via Roma. La donna era in attesa del suo turno per entrare nella filiale quando è stata preda di un mancamento. E qualcuno aveva chiamato i carabinieri per segnalare un assembramento "sospetto".
MONCALIERI - Panetteria non rispettava le misure anti covid, I carabinieri la chiudono per 5 giorni
MONCALIERI - Panetteria non rispettava le misure anti covid, I carabinieri la chiudono per 5 giorni
I militari hanno constatato nei pressi del negozio un cospicuo assembramento di clienti, peraltro intenti a bere alcolici, che sono stati tutti multati.
CORONAVIRUS - Maxi frode sulle mascherine cinesi: l'indagine partita a Orbassano - FOTO e VIDEO
CORONAVIRUS - Maxi frode sulle mascherine cinesi: l
400.000 mascherine sono state rivendute ad aziende e privati in totale spregio delle direttive in questo momento in vigore. 45.000, per ora, le mascherine sequestrate dai Finanzieri che saranno destinate all'emergenza covid-19
Le news di Moncalieri, Nichelino e cintura le trovi su TorinoSud.it
Le notizie di Moncalieri, Nichelino e Torino Sud le trovi su TorinoSud.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: Torino Sud in tempo reale!
TorinoSud è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore