Non si sono fatte attendere le reazioni dell'amministrazione comunale di Nichelino, alla notizia dell'arresto di un funzionario comunale: Antonio Pastorelli, responsabile tecnico di ambiente e mobilità pubblica. “Non nascondiamo lo stupore – viene spiegato in una nota del Comune – per un comportamento che, se dimostrato, amareggia profondamente. Aggravato anche in funzione del tragico momento che sta attraversando il paese (a causa del Covid-19) e pure alla vigilia della Giornata della Lotta alle Mafie (21 marzo)”.

“Il Comune – prosegue il sindaco Giampietro Tolardo – è del tutto estraneo alla vicenda, questo è fuori discussione. Sono inorridito. Qualora le indagini degli inquirenti confermassero quanto imputato al funzionario, l'Amministrazione Comunale si considererà parte lesa e tutelerà la propria immagine in tutte le sedi e con tutti gli strumenti che la legislazione mette a disposizione”.

“Da anni la Città di Nichelino è in prima linea nella lotta alle mafie e all'illegalità. Simili comportamenti illeciti provocano danno non solo all'Amministrazione ma a tutta la città. Sono un monito per noi e per tutte le amministrazioni a non abbassare mai la guardia”.

Galleria fotografica

Articoli correlati