Posti sui social notizie che riguardano l’inchiesta su Bibbiano? Rischi di essere mandato via dalla comunità residenziale e di veder allontanati tre figli poi dati in affidamento. La denuncia pubblica è del gruppo regionale di Fratelli D'Italia, che ha voluto in questo modo preannunciare l'avvio delle indagini conoscitive della Commissione Sanità e Assistenza sul sistema di gestione dei maltrattamenti familiari, di allontanamenti di minori e di comunità residenziali in Piemonte.

La storia raccontata dal consigliere Maurizio Marrone, riguarda la zona sud ovest del Torinese dove una giovane madre viene inserita in una comunità dal consorzio dei servizi sociali che racchiude i comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta e Volvera. Oltre a lei, anche i suoi tre figli per presunti maltrattamenti del compagno. "La relazione della comunità del cuneese dove la donna era ospitata - racconta nella nota Fratelli D'Italia -, incredibilmente pone tra i motivi della dimissione della famiglia post pubblicati sui internet dalla madre sui fatti di Bibbiano, che insieme a una ‘campagna di contestazione sui social network, accuse contro i Servizi, denigrazione della comunità’, portano alla cacciata del nucleo familiare e al conseguente allontanamento dei tre minori, disposto dall’assistente sociale e dal giudice minorile nonostante la disponibilità della zia materna ad accogliere i bambini. Addirittura uno dei piccoli sarebbe stato strappato materialmente dalle braccia della nonna, che al pronto soccorso ha denunciato percosse con un referto di sette giorni di prognosi ed ecchimosi riscontrate alle braccia. Stanno arrivando decine di segnalazioni scioccanti, che approfondiremo una ad una per aiutare bambini e genitori ad ottenere giustizia". Aggiunge Augusta Montaruli, parlamentare torinese del partito: "Se anche qui in Piemonte qualcuno pensa di trattare i minori come pacchi postali dovrà vedersela con noi, taglieremo gli artigli agli angeli e demoni di tutta Italia, non solo in Emilia Romagna” .
Conclude Maurizio Marrone, capogruppo FDI in Regione Piemonte “Voteremo in Consiglio Regionale l’avvio La sinistra grida preventivamente alla caccia alle streghe e chiede che vengano esclusi dall’indagine di commissione soggetti coinvolti nell’inchiesta Angeli e demoni come il centro studi Hansel e Gretel, nonostante a Torino gestisca la formazione degli assistenti sociali con patrocini istituzionali e si vanti di seguire la terapia di centinaia di minori. Perché?”.

Galleria fotografica

Articoli correlati