Un'impresa di Agrigento vince l'appalto per il taglio del verde pubblico ma l'azienda, nel giorno in cui doveva inziare i lavori non si presenta al cantiere. E così il Comune ha prima chiesto, come prevede la normativa di legge, alle altre tre imprese che avevano partecipato all'appalto, in ordine di graduatoria, se intendevano rilevare il servizio con lo stesso ribasso d'asta della ditta vincitrice, ben il 27 per cento (anche in questo è un obbligo previsto dalla normativa di legge). Ma visto che nessuna delle altre ditte ha accettato, l'amministrazione comunale ha quindi deciso di indire una nuova procedura d'urgenza e oggi, 12 aprile, si è riunito il seggio di gara per l'esame delle offerte pervenute. I lavori sono stati quindi affidati a un'impresa e partiranno venerdì 14.

Dunque i lavori di taglio del verde nei giardini della città partiranno con quattro giorni di ritardo rispetto ai tempi previsti: «Ci scusiamo con i cittadini per questo intoppo, non dovuto alla nostra volontà, che ha ritardato la partenza del taglio del verde – afferma il sindaco, Giampiero Tolardo – Il nuovo appalto prevede comunque una novità importante per la città. Sono previsti 12 tagli in tutto il territorio comunale».   

Galleria fotografica

Articoli correlati