Non solo a Piossasco e nei comuni vicini, ma i carabinieri hanno acquisito filmati delle telecamere da mezza provincia per tentare di individuare il veicolo usato dagli assassini di Roberto Mottura per fuggire dopo l'omicidio. Oltre a posti di controllo in tutta la provincia. Questo testimonia come sia in atto una gigantesca caccia all'uomo in tutto il Torinese e anche oltre, per risalire ai criminali che la notte di mercoledì hanno ucciso l'architetto nella sua casa di via del Campetto. Sotto la lente d'ingrandimento anche le celle telefoniche, mentre tutti gli elementi che possono essere collegabili ai criminali ritrovati sulla scena (Da una mazzetta abbandonata nel bosco ai listelli delle gelosie spaccate per entrare in casa) sono stati inviati al Ris per i rilievi biologici. 

Galleria fotografica

Articoli correlati