PIOSSASCO - Teknoservice: Sul caso del dipendente licenziato abbiamo fatto tutto il possibile

| L'azienda replica alle accuse di aver licenziato Franco Minutiello a causa del Parkinson: "Gli abbiamo chiesto di sottoporsi per ben due volte a visite mediche dettagliate per capire dove poterlo reinserire, ma si è rifiutato"

+ Miei preferiti
PIOSSASCO - Teknoservice: Sul caso del dipendente licenziato abbiamo fatto tutto il possibile
Sulla vicenda del licenziamento di Franco Minutiello da Teknoservice, dopo che il dipendente aveva contratto il parkimson, l'azienda di Piossasco rompe il silenzio e decide di dire la sua, dopo il forte eco mediatico che ha avuto la notizia. E lo fa attraverso una nota articolata, in cui spiega che il licenziamento non è stato deciso senza prima aver tentato tutte le vie disponibili, chiedendo anche la disponibilità del dipendente.

"Il signor Minutiello - si legge nella nota aziendale -, ha sempre goduto, nell’ambito delle prestazioni lavorative, la stima della ditta. Il rapporto lavorativo si è svolto nel rispetto reciproco. Nessuna discussione è mai sorta tra le parti. Purtroppo, il lavoratore è stato gravemente colpito da una patologia invalidante. L’azienda, considerando le difficoltà riscontrate a causa di tale patologia, si è impegnata per molti mesi, come di norma in questi casi, a trovare una nuova mansione idonea alle esigenze che Minutiello avrebbe potuto necessitare. Il medico competente lo dichiarò tuttavia inidoneo alle mansioni alternative sperimentate. Con lo scopo di evitare di mettere a rischio la sua salute e quella dei suoi colleghi, che con lo stesso avrebbero dovuto collaborare, fu richiesto a Minutiello di sottoporsi ad una visita medica presso un ente terzo super partes, al fine di identificare quali mansioni potesse effettivamente svolgere il lavoratore. Quest’ultimo tuttavia ritenne di non presentarsi mai a tali visite, mettendo in evidente difficoltà l’azienda e costringendola alla risoluzione del rapporto di lavoro. Successivamente le parti vennero chiamate per esperire un tentativo di conciliazione. Il signor Minutiello venne convocato dal Presidente conciliatore per ben due volte ma anche in tali occasioni egli non si presentò a nessuna delle convocazioni e addirittura, durante la seconda, sebbene sollecitato telefonicamente dal conciliatore stesso ad intervenire personalmente, egli si rifiutò, riferendo di essere stato «consigliato» in tal senso. Gli stessi personaggi, tutti conosciuti, che consigliarono al signor Minutiello di non conciliare con l’azienda, colsero l’occasione di tale spiacevole situazione del lavoratore per provocare una campagna stampa capillare contro Teknoservice".

Sul reintegro di Minutiello e il pagamento degli arretrati, decisi dal tribunale di Ivrea, Teknoservice spiega:

"Riteniamo ingiusto tale provvedimento. E’ in netto contrasto con il principio di contemperamento di due diritti costituzionalmente garantiti: da una parte il diritto al lavoro e alla salute, dall’altra il principio della libertà di impresa e di organizzazione da parte dell’imprenditore. Ciò nonostante, prima di procedere nei termini di legge all’opposizione verso la sentenza, la direzione di Teknoservice ha presentato telefonicamente all’avvocato di Minutiello una soluzione percorribile favorevole ad entrambi le parti con il reinserimento in azienda dello stesso dipendente. A tale proposta, l’avvocato rispose con una controproposta da parte nostra inaccettabile perché non prendeva minimamente in considerazione le esigenze dell’azienda stessa. E’ quindi evidente che Teknoservice non ha mai avuto atteggiamenti ostativi ad una soluzione bonaria della controversia, cercando una soluzione costruttiva per entrambe le parti. Ribadiamo la nostra disponibilità a favorire l’ingresso di Franco Minutiello alle condizioni già esposte, invitandolo a sottoporsi ad una visita da un ente medico terzo e super partes per valutare le condizioni odierne di salute e identificare una mansione che metta al sicuro il dipendente e l’azienda dai rischi derivanti dall’esercizio dell’attività lavorativa".

Cronaca
PIOSSASCO - Infortunio sul lavoro in un'azienda di saldatura
PIOSSASCO - Infortunio sul lavoro in un
Paura oggi, 12 dicembre, in un capannone vicino alla provinciale per Cumiana. Un uomo è rimasto travolto da un macchinario che gli è caduto addosso mentre lo trasportava. E' finito al Cto con varie fratture ma non rischia la vita
BEINASCO - Furgone in fiamme in via Mirafiori: indagano i carabinieri
BEINASCO - Furgone in fiamme in via Mirafiori: indagano i carabinieri
E' successo di notte, ad inizio settimana. L'allarme lanciato da alcuni residenti che hanno visto le lingue di fuoco avvolgere il mezzo abbandonato in un angolo della strada. Non è escluso che sia stato rubato e usato per qualche reato
VINOVO - Caos in maggioranza: il sindaco licenzia l'assessore e si affida alla minoranza
VINOVO - Caos in maggioranza: il sindaco licenzia l
Lo strappo nella giornata di venerdì, al termine di una settimana di tensione iniziata con la mancata approvazione della variazione di bilancio per i voti contrari di parte degli alleati, compreso l'assessore Maria Teresa Mairo.
Sgominata rete di pusher dai carabinieri con ramificazioni anche a Moncalieri
Sgominata rete di pusher dai carabinieri con ramificazioni anche a Moncalieri
L’attività ha evidenziato i profili criminali degli arrestati dediti ad approvvigionamento e vendita, mediante rete di spacciatori al dettaglio, di cocaina, marijuana e hashish. Sequestrata droga e munizioni.
TROFARELLO - La posta chiude un mese e il sindaco va su tutte le furie
TROFARELLO - La posta chiude un mese e il sindaco va su tutte le furie
L'ufficio di via Masera, l'unico in città a parte quello in frazione Valle Sauglio, aveva bisogno di interventi di ristrutturazione. Un ufficio mobile al suo posto per limitare i disagi. Visca: "Non ne sapevamo nulla"
BEINASCO - Tampona un'auto, non si ferma e l'altro lo insegue fino a Moncalieri
BEINASCO - Tampona un
Il fatto è successo nella tarda serata di lunedì: l'uomo che ha urtato l'altra auto non si è fermato e il danneggiato lo ha rincorso per chilometri. Una volta arrivati a Moncalieri sono stati bloccati dalla municipale: indagini aperte
RIVALTA - Troppi insulti su Facebook ai vigili: il sindaco denuncia ai carabinieri
RIVALTA - Troppi insulti su Facebook ai vigili: il sindaco denuncia ai carabinieri
L’ultimo episodio risale al 30 novembre scorso, quando sulla pagina Facebook "Rivalta Sì Rivalta No" l’operato di una pattuglia è stato criticato in maniera aspra, "riportando fatti e dinamiche - spiegano dal Comune -, irreali"
MONCALIERI - Per il completamento della metro a piazza Bengasi, Torino chiede soldi al Ministero
MONCALIERI - Per il completamento della metro a piazza Bengasi, Torino chiede soldi al Ministero
La Giunta torinese, ha approvato la delibera che individua come prioritari i progetti per la realizzazione del parcheggio di interscambio di piazza Bengasi e la sua sistemazione superficiale. Chiesti oltre 19 milioni di euro
MONCALIERI - Nuovo ospedale: la Regione mette altri soldi a disposizione
MONCALIERI - Nuovo ospedale: la Regione mette altri soldi a disposizione
Stanziati 14 milioni di euro di fondi regionali, accantonati in precedenza sul fondo sanitario. La somma si aggiunge ai 46,4 milioni di euro già previsti. Il finanziamento pubblico sale così al totale di 60,4 milioni di euro.
MONCALIERI - Ladri buongustai rubano bottiglie e cibo da una vineria
MONCALIERI - Ladri buongustai rubano bottiglie e cibo da una vineria
Malviventi in azione la scorsa notte in un locale in zona borgo mercato: si sono impossessati di buon vino e cibarie. Ad accorgersi del furto sono stati i titolari. Indagano i carabinieri che hanno raccolto la denuncia
Le news di Moncalieri, Nichelino e cintura le trovi su TorinoSud.it
Le notizie di Moncalieri, Nichelino e Torino Sud le trovi su TorinoSud.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: Torino Sud in tempo reale!
TorinoSud è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore