Lunedì 27 gennaio Eataly festeggia il suo compleanno: 13 anni fa, infatti, apriva il primo negozio a Torino nel quartiere Lingotto, dove una volta c’era l’Opificio Carpano. Per questo, dalle ore 19, il Ristorante Le Cucine del Mercato di Eataly Lingotto ospita una grande cena di beneficenza: 14 grandi chef da tutto il mondo propongono piatti unici per una serata dal sapore benefico. Parte del ricavato, infatti, andrà alla Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro a favore dell’Istituto di Candiolo-IRCCS.
 
La Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus, presieduta da Allegra Agnelli, è stata costituita per offrire un contributo significativo alla sconfitta del cancro attraverso la realizzazione in Piemonte di un centro oncologico, l’Istituto di Candiolo, capace di coniugare la ricerca scientifica con la pratica clinica e di mettere a disposizione dei pazienti oncologici le migliori risorse umane e tecnologiche. La Fondazione si occupa di reperire le risorse economiche attraverso attività di fundraising, e organizza tutte le iniziative e le manifestazioni necessarie per raggiungere questo scopo.
 
L’Istituto di Candiolo è l’unico centro di ricerca e cura del cancro italiano realizzato esclusivamente attraverso il sostegno di oltre 300mila donatori privati che, grazie alla loro generosità, ne hanno fatto un centro di rilievo internazionale. La Fondazione ha previsto per i prossimi anni un importante piano di sviluppo che permetterà all’Istituto di crescere ulteriormente, dotandosi così di nuovi spazi da mettere a disposizione di medici, ricercatori e, soprattutto, dei pazienti e delle persone a loro vicine. L’obiettivo è curare sempre più persone e sempre meglio.
 
Il biglietto per partecipare alla serata è proposto a € 50 e dà diritto al menu degustazione con 14 piatti e vini in abbinamento. Inoltre fino al 31 gennaio sarà possibile fare una donazione libera a favore della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, per l’Istituto di Candiolo-IRCCS, direttamente in negozio, a Eataly Lingotto.
 
I 14 chef protagonisti e i loro piatti:
Corrado Assenza (Caffè Sicilia, Noto – SR), È stato bello esserti amico
Matteo Baronetto (Ristorante Del Cambio – 1 Stella Michelin, Torino), Bonet e olio di nocciola
Tim Butler (Eat me, Bangkok), Fassona laab tartar
Rob Roy Cameron (Londra), Funghi e pinoli
Loretta Fanella (Loretta Fanella Pastry Lab, Collesalvetti – LI), Deserto d’inverno
Gianluca Gorini (Ristorante daGorini – 1 Stella Michelin, S. Piero in Bagno – FC), Passatelli, burro acido, macis e limone marinato
Cesare Grandi (Ristorante La Limonaia, Torino), Acciughe a colori
Paolo Griffa (Petit Royal del Grand Hotel Royal – 1 Stella Michelin, Courmayer – AO), Crepinette di cervo, fegato grasso e cavoletti di Bruxelles al tartufo
Alessandro Mecca (Ristorante Spazio 7- 1 Stella Michelin, Torino), Panino al lampredotto
Christian Milone (Trattoria Zappatori – 1 Stella Michelin, Pinerolo – TO), Vitello tonnato
Massimiliano Prete (Sestogusto, Torino), Hygge croccante
Claudio e Anna Vicina (Ristorante Casa Vicina – 1 Stella Michelin, Torino), Trippa mista al pomodoro confit con crumble alle erbe fini e polenta soffiata
Rafael Zafra (Estimar, Barcellona), Riccio, stracciatella e uova di salmone “Agroittica”
Federico Zanasi (Ristorante Condividere – 1 Stella Michelin, Torino), Brioche modenese

Galleria fotografica

Articoli correlati