CRONACA - La finanza incastra rete di usurai attivi tra Carmagnola e Moncalieri

| L’operazione “Doppio debito”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Asti, in cui oltre 40 militari della Guardia di Finanza di Torino hanno eseguito sei arresti per associazione a delinquere. Prestiti e tassi fino al 2500%

+ Miei preferiti
CRONACA - La finanza incastra rete di usurai attivi tra Carmagnola e Moncalieri
Nella mattinata odierna è scattata l’operazione “Doppio debito”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Asti, in cui oltre 40 militari della Guardia di Finanza di Torino hanno eseguito 6 misure cautelari detentive a carico di altrettante persone gravemente indiziate di associazione per delinquere dedita a usura, abusivismo finanziario, estorsione e truffa. In corso di esecuzione anche il sequestro preventivo dei beni degli arrestati.

Arrestati i carmagnolesi Giacomo Lafleur e suo figlio Carlo, il torinese Osvaldo Laforè, Graziano Di Maio di Villafranca Piemonte, Nicolino Maccagnan di Moncalieri e una dipendente infedele della filiale Findomestic di Bra (CN), società estranea agli addebiti penali.

Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica di Asti Dott. Alberto Perduca, dirette dal Sostituto Procuratore Dott. Gabriele Fiz e condotte dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Torino, hanno riguardato condotte che vanno dal 2018 alla fine del 2019 e hanno avuto pieno sviluppo durante tutto il periodo dell’emergenza COVID-19.

L’attività investigativa avviata dai finanzieri ha permesso di far luce sull’esistenza di un’articolata associazione per delinquere avente base a Carmagnola e risultata operativa a Torino, Ivrea, Moncalieri, Cuneo e Bra, la quale, sotto le direttive di Giacomo Lafleur, applicava tassi usurari fino al 2.500%.

Il core business dell’associazione era l’offerta sistematica e professionale di prodotti finanziari a soggetti bisognosi di denaro e che, nella maggior parte dei casi, non presentavano le condizioni per accedere al credito secondo procedure ordinarie.

Le vittime erano imprenditori in difficoltà economiche - imprese edili, centri estetici, macellerie, pizzerie - ed anche casalinghe e disoccupati già indebitati, che tramite il “passa parola”, entravano in contatto con i componenti dell’organizzazione. Costoro si presentavano di volta in volta come “ex direttori di banca” o “agenti finanziari”, organizzando gli incontri in luoghi all’aperto, bar, centri commerciali.

Peculiarità dell’organizzazione criminale consisteva nella capacità di proporre un vero e proprio “pacchetto completo” e di nascondersi dietro il finanziamento concesso da una finanziaria realmente esistente.

Inizialmente il “cliente” veniva approcciato con toni affabili e cordiali e con l’assicurazione che avrebbe ottenuto una linea di credito da una società finanziaria. Gli si richiedeva la carta d’identità e un documento reddituale, quando esistente.

L’organizzazione predisponeva quindi documenti artefatti (buste paga, CUD, dichiarazioni fiscali) per ottenere il credito, quasi sempre presso la Findomestic di Bra, ove una dipendente infedele e partecipe dell’organizzazione curava tutti gli adempimenti necessari, quantificava il credito concedibile e forniva finanche puntuali indicazioni sulle risposte da dare in caso di eventuali controlli.

Una volta ottenuta la somma dalla finanziaria, l’organizzazione rivelava la propria vera natura pretendendo dalla vittima, in contanti, il “compenso” per i propri “servizi”: venivano applicati tassi usurari fino al 2500% in più rispetto a quelli leciti per l’attività di intermediazione, con richieste di pagamenti fino al 60% del finanziamento, anche con estorsioni e minacce.

In breve, dopo aver pagato gli usurai, alle vittime restava solo una modesta residua parte dei soldi, a fronte dell’onere di dover corrispondere le rate per l’intera cifra ottenuta dalla finanziaria.

Gli indagati si sono dimostrati particolarmente attenti nell’esecuzione delle proprie attività illecite: raramente utilizzavano i telefoni per accordarsi e prediligevano riunirsi nel campo sinti di Carmagnola o in un centro commerciale di Moncalieri. Tra le accortezze adottate c’era anche quella di far controllare periodicamente le proprie autovetture con vere e proprie operazioni di “bonifica” per ricercare eventuali microspie.

Le indagini sono state condotte anche con intercettazioni, pedinamenti, monitoraggi video ed accertamenti bancari. Nonostante la difficile permeabilità del contesto in cui operavano, i finanzieri sono riusciti a riprendere gli incontri con le vittime, nel corso dei quali gli indagati discutevano dei compensi da esigere e delle modalità operative attuate.

In tal modo è stato possibile risalire a numerose persone cadute nella rete criminale, che, dopo iniziali reticenze, davanti all’evidenza dei fatti accertati dai finanzieri hanno raccontato quanto era accaduto: soggetti, questi, ulteriormente provati anche dall’emergenza COVID-19.

Gli approfondimenti investigativi sono stati effettuati avvalendosi dell’ampia collaborazione resa dall’Ufficio Prevenzione Frodi di Findomestic essa stessa vittima di tale sistema. In questo modo sono stati infatti richiesti alla società, in due anni, prestiti per circa 400.000 euro per conto di una ventina di soggetti di fatto privi di ogni garanzia per l’estinzione del debito contratto. 

Cronaca
CARMAGNOLA - Furto in una rosticceria-kekab in via Fratelli Vercelli: rubato il fondo cassa
CARMAGNOLA - Furto in una rosticceria-kekab in via Fratelli Vercelli: rubato il fondo cassa
Nella notte i ladri sono entrati in azione forzando una porta sul retro e puntando ai soldi nel registratore lasciati dentro dal gestore. Circa 200 euro il bottino dei malviventi. La denuncia presentata ai carabinieri
MONCALIERI - Chiude la sezione dell'asilo e i genitori s'infuriano: '20 bimbi per classe, e il Covid?'
MONCALIERI - Chiude la sezione dell
Nella struttura Boccardo, gestita dalla parrocchia di Testona, la direzione ha deciso di chiudere la sezione "Scoiattoli" dopo che una maestra è andata in maternità e non c'è stata la volontà di sostituirla.
MONCALIERI - Un aiuto del Comune alle associazioni sportive bloccate dal Covid
MONCALIERI - Un aiuto del Comune alle associazioni sportive bloccate dal Covid
Possono partecipare all'avviso le associazioni e società con sede legale ed essere operanti sul territorio che hanno sostenuto, nel periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19, costi per la ripresa delle attività sportive
CRONACA - Rintracciati i minorenni che colpirono con un sasso in autostrada il lavoratore di Piossasco
CRONACA - Rintracciati i minorenni che colpirono con un sasso in autostrada il lavoratore di Piossasco
Hanno tutti tra i 14 e i 16 anni. Il “lancio sassi” si era ripetuto nelle due giornate successive al primo caso (17-18 novembre 2020), sempre nel medesimo tratto autostradale, tra le uscite di Gerbole di Volvera e None.
CARMAGNOLA - Con una pistola rubata in città, si presenta ai carabinieri di Torino: 'Arrestatemi'
CARMAGNOLA - Con una pistola rubata in città, si presenta ai carabinieri di Torino:
L’uomo ha citofonato alla Stazione Carabinieri di Torino Barriera Milano dichiarando di essere in possesso di una pistola. i carabinieri hanno trovato nel suo zaino una pistola semiautomatica e ben 67 munizioni
CARMAGNOLA - Il ricordo di Silvana Chiesa: 'Ho trasportato Maradona'
CARMAGNOLA - Il ricordo di Silvana Chiesa:
"Un uomo semplice, affabile. Nessun atteggiamento da prima donna. Sedeva sempre in prima fila sull’autobus e si metteva il sombrero. Ho dovuto anche aumentare le assicurazioni: avevo a bordo Maradona e il Napoli..."
COVID - Il Piemonte verso la zona arancione, Cirio: 'Ci saranno comunque misure di sicurezza'
COVID - Il Piemonte verso la zona arancione, Cirio:
Il governatore ieri pomeriggio ha anticipato che l'indice di contagio è sceso sotto quota 1 e per oggi è previsto un allentamento delle restrizioni, anche se verranno mantenuti i controlli anti assembramento
CARMAGNOLA - Delfino d'oro assegnato ad Amalia Panetto e Andrea Agasso
CARMAGNOLA - Delfino d
L'onorificenza che ogni anno il Comune assegna a personalità carmagnolesi che si sono distinte per l'impegno in ambito sociale, premia questa volta una perla del volontariato e un punto di riferimento per le associazioni
VINOVO - Due ciclisti investiti vicino al cimitero: grave la donna
VINOVO - Due ciclisti investiti vicino al cimitero: grave la donna
Tragedia sfiorata ieri pomeriggio nei pressi della circonvallazione: un ragazzo di 21 anni alla guida di una vettura non ha visto la coppia in sella alle bici che stava percorrendo la stradina all'incrocio e li ha colpiti.
NICHELINO - Bruciano sterpaglie e rischiano di provocare un grave incendio
NICHELINO - Bruciano sterpaglie e rischiano di provocare un grave incendio
Nel pomeriggio vicino al campo da bocce del quartiere Boschetto, ignoti (probabilmente ragazzini) si sono divertiti a bruciare alcune sterpaglie perdendo poi il controllo del fuoco e scappando. I vigili del fuoco hanno spento tutto
Le news di Moncalieri, Nichelino e cintura le trovi su TorinoSud.it
Le notizie di Moncalieri, Nichelino e Torino Sud le trovi su TorinoSud.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: Torino Sud in tempo reale!
TorinoSud è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore