Svolta nel processo per il crac della Mercatone Uno, che aveva uno store anche a Beinasco.

Questa mattina, a Bologna, i vertici dell'azienda sono stati tutti assolti dall'accusa di di "bancarotta fraudolenta per distrazione", perché il fatto non sussiste. A processo, con rito abbreviato, c'erano l'ex amministratore Giovanni Beccari, l'ex consigliere Ilaro Ghiselli, Gianluca Valentini e le tre sorelle Cenni, Elisabetta, Micaela e Susanna, figlie del patron Romano Cenni, morto nel 2017.

Per gli uomini della Guardia di Finanza i vertici avrebbero messo in atto diverse operazioni societarie, tra il 2005 e il 2013, sottraendo dalle casse aziendali 300 milioni di euro.  La procura aveva invece chiesto condanne per tutti fino a 4 anni e 4 mesi. Ma per i giudici il reato non è stato consumato. 

 

Galleria fotografica

Articoli correlati