E' stato assolto, al tribunale di Torino, a un studente originario della Mongolia finito alla sbarra per violenza sessuale su una ragazza irlandese. Il giovane, di 26 anni, si è sempre professato innocente. L'episodio, secondo quanto denunciato dalla ragazza, era avvenuto il 27 marzo 2017 in una stanza d'albergo a Moncalieri, dove in quattro si erano ritrovati dopo una serata di festa al Lingotto di Torino.

In quei giorni si stavano svolgendo alcuni appuntamenti del festival dell'Oriente e del festival irlandese. La giovane raccontò alle forze dell'ordine di essersi addormentata nella stanza d'albergo di Moncalieri e che, durante il sonno, era stata aggredita sessualmente. In quel momento il fidanzato era alla toilette e ha detto di avere solo sentito dei lamenti e delle grida, mentre un quarto ragazzo aveva continuato a dormire.

L'imputato ha negato ogni accusa, spiegando che la ragazza si era svegliata all'improvviso e aveva iniziato ad urlare senza motivo. Le consulenze tecniche hanno avvalorato il suo racconto: il test del Dna non ha portato alla scoperta, sugli indumenti, di tracce biologiche compatibili con una violenza sessuale. Per questo motivo il giudice ha assolto il 26enne da ogni accusa.

Galleria fotografica

Articoli correlati