Ieri mattina a Nichelino i carabinieri, a seguito di una segnalazione giunta al 112 di un condomino che ha riferito di udire dei lamenti di una donna dal vano cantine dell'edificio, sono intervenuti e hanno scoperto che la badante aveva chiuso in cantina una donna di 63 anni per poi ritornare dopo diverse ore. La vittima ha riferito che tale episodio si era verificato anche il giorno prima per tutta l’intera giornata. La donna romena, che ha 46 anni, è stata arrestata per sequestro di persona.

I carabinieri stanno ricostruendo il movente che ha portato la badante a rinchiudere in una cantina la donna che accudiva a Nichelino. Da una prima ricostruzione, fatta grazie alle tesatimonianze di alcuni vicini, sembrerebbero i litigi dei giorni scorsi tra l’anziana e la sua badante la causa dell’insano gesto.

Un particolare importante alla base dell’arresto riguarda le chiavi dello scantinato che sono state trovate in possesso della badante e grazie alle quali i carabinieri sono riusciti ad aprire la serratura senza doverla scardinare. L’anziana donna è ora in discrete condizioni di salute ed è stata affidata a una casa di riposo nell’hinterland torinese.

Galleria fotografica

Articoli correlati